Relazioni familiari e benessere
Relazioni familiari e benessere

Relazioni familiari e benessere

Giuliana Proietti Articoli

Il presente articolo rappresenta una sintesi (e un adattamento) di uno studio americano sulle relazioni familiari (citato in fondo).

Le relazioni familiari: loro impatto sul benessere

Le relazioni familiari, positive e negative, svolgono un ruolo centrale nel plasmare il benessere di un individuo nel corso della sua vita ( Merz, Consedine, Schulze e Schuengel, 2009 ) e, in particolare,  possono diventare più importanti man mano che le persone invecchiano, aumentano le esigenze di assistenza e i legami sociali in altri ambiti, come il posto di lavoro, diventano meno centrali nella vita (Milkie, Bierman e Schieman, 2008 ).

INIZIA SUBITO UNA TERAPIA CON LA DOTT.SSA GIULIANA PROIETTI

In quale ambito pensi di avere un problema?

Terapia Individuale

Costo: 60 euro / Durata 1 ora / Frequenza: da concordare

Terapia di coppia

La qualità delle relazioni familiari, compreso il supporto sociale (p. es., fornire amore, consigli e cure) e la tensione (p. es., discussioni, essere critici, fare troppe richieste), possono influenzare il benessere di una persona: lo stress, ad esempio, può minare la salute mentale mentre il supporto sociale può fungere da risorsa protettiva.

Terapia di Coppia con Giuliana ProiettiLa Terapia di Coppia è solo a un click da casa tua!
Dr. Giuliana Proietti
Tel. 347 0375949
Costo: 60 euro / Durata 1 ora / Frequenza: da concordare

I membri della famiglia

I membri della famiglia sono collegati in modi importanti in ogni fase della vita e queste relazioni sono una fonte di connessione e influenza sociale per tutta la vita ( Umberson, Crosnoe e Reczek, 2010 ). Molte ricerche dimostrano che le relazioni sociali possono influenzare profondamente il benessere percepito (Umberson & Montez, 2010 ), anche perché possono fornire un maggiore senso di significato e scopo, nonché risorse sociali e tangibili a beneficio del benessere ( Hartwell & Benson, 2007 ; Kawachi & Berkman, 2001 ).

Famiglia e Autostima

Coloro che ricevono sostegno dai loro familiari possono provare un maggiore senso di autostima e questa maggiore autostima può essere una risorsa psicologica, dal momento che porta all’ottimismo, alle emozioni positive e a una migliore salute mentale ( Symister & Friend, 2003 ).

Stress nelle relazioni familiari

Ak contrario, lo stress nelle relazioni può provocare processi fisiologici che compromettono la funzione immunitaria, influenzano il sistema cardiovascolare e aumentano il rischio di depressione ( Graham, Christian, & Kiecolt-Glaser, 2006 ; Kiecolt-Glaser & Newton, 2001 ).

Facebook Giuliana ProiettiSeguimi su Facebook!

Le relazioni di coppia

La relazione di coppia è una delle relazioni più importanti che definiscono il contesto di vita e, a sua volta, influenza il benessere degli individui durante l’età adulta ( Umberson & Montez, 2010 ). Essere in coppia, soprattutto felicemente sposati, è associato a una migliore salute mentale e fisica ( Carr & Springer, 2010 ; Umberson, Williams e Thomeer, 2013 ) e la forza dell’effetto coniugale sulla salute è paragonabile a quella di altri fattori di rischio tradizionali come il fumo e l’obesità ( Sbarra, 2009 ).

Modello delle “risorse coniugali”

Il modello detto delle “risorse coniugali” suggerisce che il matrimonio consenta il benessere attraverso un maggiore accesso alle risorse economiche, sociali  che a loro volta promuovono la salute ( Rendall, Weden, Favreault e Waldron, 2011 ; Umberson et al., 2013 ).

Modello dello “stress”

Il modello “dello stress” suggerisce che gli aspetti negativi delle relazioni coniugali, come le tensioni coniugali e le dissoluzioni coniugali, creino stress e minino il benessere percepito ( Williams & Umberson, 2004 ).

Come vivere bene anche se in coppiaUn libro per la Coppia.
Ordinalo online o in Libreria

Relazioni di coppia e avanzare dell’età

Le relazioni di coppia tendono a diventare più importanti con l’avanzare dell’età, poiché altre relazioni sociali come quelle con altri familiari, amici e vicini vengono spesso perse per vari motivi, fra cui trasferimenti e morti ( Liu & Waite, 2014 ).

Persone sposate e salute mentale

Le persone sposate, in media, godono di una migliore salute mentale, salute fisica e un’aspettativa di vita più lunga rispetto alle persone divorziate/separate, vedove e non sposate ( Hughes & Waite, 2009 ; Simon, 2002 ), sebbene il divario di salute tra sposati e mai sposati sia diminuito negli ultimi decenni (Liu & Umberson, 2008 ).

Qualità della relazione e benessere

La relazione fra relazione di coppia e benessere dipende dalla qualità della relazione; coloro che vivono relazioni difficili hanno maggiori probabilità di riferire sintomi depressivi e problemi di salute rispetto a coloro che vivono in matrimoni felici ( Donoho, Crimmins e Seeman, 2013 ; Liu & Waite, 2014 ; Umberson, Williams, Powers, Liu e Needham, 2006 ).

Peraltro, un matrimonio felice può tamponare gli effetti dello stress attraverso un maggiore accesso al supporto emotivo ( Williams, 2003 ).

Numerosi studi suggeriscono che gli aspetti negativi delle relazioni di coppia hanno un impatto maggiore sul benessere rispetto agli aspetti positivi delle relazioni (ad esempio, Rook, 2014 ) e ricerche precedenti mostrano che l’impatto della tensione coniugale sulla salute aumenta con l’avanzare dell’età ( Liu e Waite, 2014 ; Umberson et al., 2006 ).

Festival della Coppia

Divorzio e Vedovanza

Studi longitudinali condotti in America forniscono prove che le passate esperienze di divorzio e vedovanza sono associate ad un aumento del rischio di malattie cardiache in età avanzata, soprattutto tra le donne, indipendentemente dall’attuale stato civile ( Zhang & Hayward, 2006 ), e che una maggiore durata del divorzio o della vedovanza sia associata a un numero maggiore di condizioni croniche e limitazioni della mobilità ( Hughes & Waite, 2009 ; Lorenz, Wickrama, Conger e Elder, 2006 ).

Tuttavia, mentre l’inizio del primo matrimonio, migliora il benessere psicologico e diminuisce la depressione ( Frech & Williams, 2007 ; Musick & Bumpass, 2012 ) i benefici di un nuovo matrimonio potrebbero non essere così elevati ( Hughes & Waite, 2009 ).

Differenze di genere e benessere di coppia

Uno schema osservato da tempo è che gli uomini ricevono maggiori benefici per la salute fisica dal matrimonio rispetto alle donne, e le donne sono psicologicamente e fisiologicamente più vulnerabili allo stress coniugale rispetto agli uomini ( Kiecolt-Glaser & Newton, 2001 ; Revenson et al., 2016 ; Simon, 2002). ; Williams, 2004 ).

Le donne tendono a ricevere maggiori benefici finanziari dal coniuge maschio, che in genere guadagna di più rispetto a loro, ma gli uomini generalmente ricevono maggiori benefici in termini di promozione della salute come il supporto emotivo e la regolamentazione dei comportamenti legati alla salute ( Liu & Umberson, 2008 ; Liu & Waite, 2014 ).

Questo perché all’interno di un matrimonio tradizionale, le donne tendono ad assumersi maggiori responsabilità nel mantenere i legami sociali con la famiglia e gli amici, e sono più propense a fornire supporto emotivo al marito, mentre gli uomini hanno maggiori probabilità di ricevere supporto emotivo e di godere dei benefici di una rete sociale, coltivata dalla donna: tutti fattori che possono promuovere la salute e il benessere dei mariti ( Revenson et al., 2016 ).

Tuttavia, ci sono prove contrastanti riguardo al fatto se il matrimonio sia più influenzato dal benessere degli uomini o delle donne. Da un lato, numerosi studi hanno documentato che le differenze di stato civile nella salute mentale e fisica siano maggiori per gli uomini che per le donne ( Liu & Umberson, 2008 ; Sbarra, 2009 ). Ad esempio, Williams e Umberson (2004) hanno scoperto che la salute degli uomini migliora più di quella delle donne, una volta sposati.

D’altra parte, numerosi studi rivelano effetti più forti della tensione coniugale sulla salute delle donne rispetto a quella degli uomini, inclusi sintomi più depressivi, aumento del rischio per la salute cardiovascolare e cambiamenti negli ormoni ( Kiecolt-Glaser & Newton, 2001 ; Liu & Waite, 2014 ; Liu, Waite e Shen, 2016 ).

Dr. Giuliana ProiettiAlbo degli Psicologi Lazio n. 8407
Costo della psicoterapia  60 euro
Durata 1 ora / Frequenza: da concordare

Etnia

Gli studiosi della famiglia sostengono che il matrimonio abbia significati e dinamiche diversi a seconda dello status socio economico (SES) e dei gruppi etnici cui si appartiene nei contesti sociali, economici, storici e culturali.

Ad esempio, le donne nere o con un stato socio economico inferiore potrebbero avere meno probabilità rispetto alle loro controparti bianche con un SES superiore di aumentare il proprio capitale finanziario attraverso le unioni relazionali perché gli uomini a loro idonei nelle reti sociali che frequentano sono più svantaggiati dal punto di vista socioeconomico ( Edin & Kefalas, 2005 ).

Alcuni studi rilevano anche che la qualità coniugale è inferiore tra le coppie con un SES basso e di colore rispetto alle coppie bianche con un SES più elevato ( Broman, 2005 ). Ciò può accadere perché i primi gruppi affrontano più stress nella loro vita quotidiana durante tutto il corso della vita e questi livelli più elevati di stress minano la qualità coniugale ( Umberson, Williams, Thomas, Liu e Thomeer, 2014 ).

Altri studi, tuttavia, suggeriscono effetti più forti del matrimonio sul benessere degli adulti neri rispetto a quelli bianchi. Ad esempio, gli anziani neri sembrano trarre maggiori benefici dal matrimonio rispetto ai bianchi più anziani in termini di condizioni croniche e disabilità ( Pienta, Hayward e Jenkins, 2000 ).

Relazioni familiari e benessere

Figli e genitori tendono a rimanere strettamente connessi tra loro durante tutto il corso della vita, ed è noto che la qualità delle relazioni intergenerazionali è fondamentale per il benessere di entrambe le generazioni ( Merz, Schuengel e Schulze, 2009 ; Polenick, DePasquale, Eggebeen, Zarit e Fingerman, 2016 ). Ricerche recenti sottolineano anche l’importanza delle relazioni con i nipoti per gli adulti che invecchiano ( Mahne & Huxhold, 2015 ).

Genitori, nonni e figli spesso si prendono cura l’uno dell’altro in momenti diversi del corso della vita, il che può contribuire al supporto sociale, allo stress e ai meccanismi di controllo sociale che influenzano la salute e il benessere di ciascuno in modi importanti nel corso della vita. ( Nomaguchi e Milkie, 2003 ; Pinquart e Soerensen, 2007 ; Reczek, Thomeer, et al., 2014 ).

Dr. Giuliana Proietti Email: info@giulianaproietti.it
Skype: giuliana.proietti
Costo della Terapia: 60 euro / Durata 1 ora /
Frequenza: da concordare

Genitori

Gli studi sulla famiglia evidenziano le complessità delle relazioni genitore-figlio, scoprendo che la genitorialità genera sia ricompense sia fattori di stress, con importanti implicazioni per il benessere (Nomaguchi & Milkie, 2003 ; Umberson, Pudrovska, & Reczek, 2010 ).

La genitorialità aumenta i vincoli di tempo, producendo stress e diminuendo il benessere, soprattutto quando i figli sono più piccoli (Nomaguchi, Milkie, & Bianchi, 2005 ), ma la genitorialità può anche aumentare l’integrazione sociale, portando a un maggiore supporto emotivo e un senso di appartenenza e significato ( Berkman, Glass, Brissette e Seeman, 2000 ), con conseguenze positive per il benessere.

Figli Adulti

Man mano che i figli e i genitori invecchiano, la natura della relazione genitore-figlio spesso cambia in modo tale che i figli adulti possono assumere un ruolo di accudimento per i loro genitori più anziani (Pinquart & Soerensen, 2007 ).

Gli studi dimostrano che i figli adulti svolgono un ruolo fondamentale nelle reti sociali dei loro genitori nel corso della vita ( Umberson, Pudrovska, et al., 2010 ), e gli effetti della genitorialità sulla salute e sul benessere diventano sempre più importanti in età avanzata poiché i figli adulti rappresentano una delle principali fonti di assistenza per gli adulti che invecchiano ( Seltzer & Bianchi, 2013 ).

  La psicologia e il cambiamento climatico

Contrariamente a quanto in genere si pensa, è molto probabile che i genitori più anziani forniscano sostegno strumentale/finanziario ai propri figli adulti, in genere contribuendo più di quanto ricevono (Grundy, 2005 ), e fornire supporto emotivo ai propri figli adulti è correlato a un maggiore benessere per i propri figli.

Inoltre, in linea con i principi della teoria del processo di stress, la maggior parte delle prove indica che le relazioni di scarsa qualità con i figli adulti sono dannose per il benessere dei genitori (Koropeckyj-Cox, 2002 ; Polenick et al., 2016 ); tuttavia, uno studio recente ha rilevato che la tensione con i figli adulti è correlata a una migliore salute cognitiva tra i genitori più anziani, in particolare i padri (Thomas & Umberson, 2017 ).

I figli adulti spesso sperimentano pressioni contrastanti sul lavoro, sul prendersi cura dei propri figli e sul fornire assistenza ai genitori più anziani ( Evans et al., 2016 ). Il sostegno e la tensione derivanti dai legami intergenerazionali durante questo periodo stressante di equilibrio tra ruoli familiari e obblighi lavorativi possono essere particolarmente importanti per la salute mentale degli adulti di mezza età ( Thomas, 2016 ).

La maggior parte delle ricerche suggerisce che l’accudimento dei genitori è correlato a un minore benessere per i figli adulti, compresi più affetti negativi e una maggiore risposta allo stress in termini di produzione complessiva di cortisolo giornaliero ( Bangerter et al., 2017 ); tuttavia, alcuni studi suggeriscono che il caregiving può essere benefico o neutrale per il benessere ( Merz et al., 2010 ).

Gli studiosi della famiglia suggeriscono che questa discrepanza potrebbe essere dovuta a diversi tipi di assistenza e qualità della relazione. Ad esempio, fornire supporto emotivo ai genitori può aumentare il benessere, ma fornire supporto strumentale non fa lo stesso effetto, a meno che il caregiver non sia emotivamente coinvolto ( Morelli, Lee, Arnn e Zaki, 2015 ). Inoltre, la qualità della relazione figlio-genitore adulto può essere più importante per il benessere dei figli adulti rispetto all’assistenza fornita ( Merz, Schuengel, et al., 2009 ).

Sebbene l’accudimento sia una questione critica, i figli adulti generalmente trascorrono molti anni con genitori in buona salute ( Settersten, 2007 ) e la qualità delle relazioni e gli scambi di supporto hanno importanti implicazioni per il benessere che va oltre i ruoli di accudimento.

La preponderanza della ricerca suggerisce che la maggior parte degli adulti si sente emotivamente vicina ai propri genitori e che il sostegno emotivo come l’incoraggiamento, la compagnia e il servizio come confidente viene comunemente scambiato in entrambe le direzioni ( Swartz, 2009 ).

Gli scambi di sostegno intergenerazionale spesso avvengono tra generazioni o verso i figli adulti piuttosto che verso i genitori. Ad esempio, i figli adulti hanno maggiori probabilità di ricevere sostegno finanziario dai genitori che viceversa fino a quando i genitori non diventano molto anziani (Grundy, 2005 ). Gli scambi di sostegno intergenerazionale sono parte integrante della vita sia dei genitori che dei figli adulti, sia nei momenti di bisogno che nella vita quotidiana.

Segui Psicolinea Channel su YoiuTube

Nonni

In America il 10% dei bambini viveva con almeno un nonno nel 2012 ( Dunifon, Ziol-Guest, & Kopko, 2014 ).  Le relazioni dei nonni con i nipoti sono generalmente legate a un maggiore benessere sia per i nonni che per i nipoti, con alcune importanti eccezioni come quando comportano responsabilità più estese nella cura dei figli ( Kim, Kang e Johnson-Motoyama, 2017 ; Lee, Clarkson-Hendrix e Lee, 2016). La maggior parte dei nonni intraprende con i propri nipoti attività che ritiene significative, si sente vicino ai propri nipoti, considera importante il ruolo dei nonni ( Swartz, 2009 ) e sperimenta un benessere inferiore se perde il contatto con i propri nipoti ( Drew & Silverstein, 2007 ).

Tuttavia, una percentuale crescente di bambini vive in famiglie mantenute dai nonni ( Settersten, 2007 ), e i nonni che si prendono cura dei propri nipoti senza il sostegno dei genitori dei bambini di solito sperimentano uno stress maggiore ( Lee et al., 2016 ) e sintomi più depressivi ( Blustein, Chan e Guanais, 2004 ), a volte si destreggiano tra le responsabilità di nonno e il proprio lavoro ( Harrington Meyer, 2014).

Differenze di genere nelle relazioni intergenerazionali

Prove sostanziali suggeriscono che l’esperienza delle relazioni intergenerazionali varia per uomini e donne. Le donne tendono ad essere maggiormente coinvolte e influenzate dalle relazioni intergenerazionali, con i figli adulti che si sentono più vicini alle madri che ai padri ( Swartz, 2009 ). Inoltre, la qualità della relazione con i figli è più fortemente associata al benessere delle madri che a quello dei padri ( Milkie et al., 2008 ).

La maternità

La maternità può essere particolarmente importante per le donne ( McQuillan, Greil, Shreffler e Tichenor, 2008 ), e le donne portano una quota sproporzionata del peso della genitorialità, inclusa una maggiore attenzione ai bambini piccoli e ai genitori anziani, nonché i deficit di tempo derivanti da questi obblighi che può portare ad un minore benessere ( Nomaguchi et al., 2005 ; Pinquart & Sorensen, 2006 ).

Le madri spesso riferiscono maggiori pressioni da parte dei genitori rispetto ai padri, come un maggiore obbligo di essere presenti per i propri figli ( Reczek, Thomeer, et al., 2014 ; Stone, 2007 ) e di lavorare attivamente sulle relazioni familiari ( Erickson, 2005 ). Le madri hanno anche maggiori probabilità di incolpare se stesse per la scarsa qualità della relazione genitore-figlio ( Elliott, Powell e Brenton, 2015 ), contribuendo a un maggiore disagio per le donne.

LGBT FriendlyLOVE IS LOVE!

Stato socio economico e tensioni familiari

Uno stato socio economico inferiore può produrre ed esacerbare tensioni familiari ( Conger, Conger e Martin, 2010 ). I figli adulti svantaggiati dal punto di vista socioeconomico potrebbero aver bisogno di maggiore assistenza da parte di genitori e nonni che a loro volta hanno meno risorse da fornire ( Seltzer & Bianchi, 2013 ).

Inoltre, gli studiosi hanno scoperto che esiste una penalizzazione della felicità tale per cui i genitori di bambini piccoli hanno livelli di benessere inferiori rispetto ai non genitori; tuttavia, politiche come i sussidi per l’assistenza all’infanzia e le ferie retribuite che aiutano i genitori a negoziare le responsabilità lavorative e familiari spiegano questa disparità ( Glass, Simon e Andersson, 2016 ).

Meno risorse possono anche mettere a dura prova le relazioni nonni-nipoti. Ad esempio, il benessere derivante da queste relazioni può essere distribuito in modo diseguale tra il livello di istruzione dei nonni, in modo tale che quelli con meno istruzione sopportano il peso di esperienze di essere nonni più stressanti e di un benessere inferiore ( Mahne & Huxhold, 2015 ).

Relazioni tra fratelli

Le relazioni tra fratelli sono poco studiate e la ricerca sui fratelli adulti è più limitata rispetto ad altre relazioni familiari. Tuttavia, le relazioni tra fratelli sono spesso la relazione familiare più duratura nella vita di un individuo a causa della durata di vita concomitante e, infatti, circa il 75% dei settantenni ha un fratello vivente ( Settersten, 2007 ).

Alcuni suggeriscono che le relazioni tra fratelli svolgono un ruolo più significativo nel benessere di quanto spesso riconosciuto ( Cicirelli, 2004 ). Le prove disponibili suggeriscono che le relazioni di alta qualità caratterizzate dalla vicinanza con i fratelli sono correlate a livelli più elevati di benessere ( Bedford & Avioli, 2001 ), mentre le relazioni tra fratelli caratterizzate da conflitto e mancanza di vicinanza sono state collegate a un benessere inferiore in termini di di depressione maggiore e maggiore uso di farmaci in età adulta ( Waldinger, Vaillant e Orav, 2007 ).

Fratelli e atteggiamento dei genitori

L’atteggiamento dei genitori  nei confronti dei figli influisce sulla vicinanza dei fratelli (Gilligan, Suitor e Nam, 2015 ) e sulla depressione ( Jensen, Whiteman, Fingerman e Birditt, 2013 ). Analogamente ad altre relazioni familiari, le relazioni tra fratelli possono essere caratterizzate da aspetti sia positivi che negativi che possono influenzare gli elementi del processo di stress, fornendo sia risorse che fattori di stress che influenzano il benessere.


La sessualità femminile fra sapere e potere
Convegno 18 Marzo 2023
Castelferretti Ancona

Fratelli e care giving

I fratelli svolgono un ruolo importante negli scambi di sostegno e nell’assistenza, soprattutto se il fratello presenta disabilità fisiche e altri legami stretti non sono disponibili ( Degeneffe & Burcham, 2008 ; Namkung, Greenberg e Mailick, 2017 ).

Sebbene i fratelli caregiver riferiscano un benessere inferiore rispetto ai non caregiver, i fratelli caregiver sperimentano questo minore benessere in misura minore rispetto ai caregiver coniugi ( Namkung et al., 2017 ).

La maggior parte delle persone crede che i propri fratelli sarebbero disponibili ad aiutarli in caso di bisogno ( Connidis, 1994 ; Van Volkom, 2006 ) e, negli scambi di sostegno in generale, ricevere supporto emotivo da un fratello è correlato a livelli più elevati di benessere tra gli anziani. ( Tommaso, 2010 ). La qualità della relazione influenza l’esperienza del caregiving, con relazioni tra fratelli di qualità superiore legate a una maggiore fornitura di cure ( Eriksen & Gerstel, 2002 ) e una minore probabilità di tensione emotiva derivante dal caregiving ( Mui & Morrow-Howell, 1993 ; Quinn, Clare, & Woods , 2009 ).

Nel loro insieme, questi studi suggeriscono l’importanza delle relazioni tra fratelli per il benessere nel corso della vita adulta.

Assistenza ai genitori anziani

L’assistenza ai genitori anziani è distribuita in modo diverso in base al genere, ricadendo in modo sproporzionato sulle sorelle femmine ( Pinquart & Sorensen, 2006 ), e i figli maschi forniscono meno cure ai genitori se hanno una sorella ( Grigorieva, 2017 ). Tuttavia, gli uomini nei matrimoni tra persone dello stesso sesso sono più propensi degli uomini nei matrimoni di sesso diverso a fornire assistenza ai genitori e ai suoceri ( Reczek & Umberson, 2016 ), il che può alleviare lo stress e il peso sulle loro sorelle.

Festival della Coppia

Attaccamento ai fratelli e status 

Uno status socioeconomico inferiore è stato associato a segnalazioni di sentirsi meno attaccati ai fratelli e questo influenza diversi risultati come l’obesità, la depressione e l’uso di sostanze ( Van Gundy et al., 2015). Meno risorse socioeconomiche possono anche limitare la quantità di assistenza fornita dai fratelli (Eriksen & Gerstel, 2002 ).

Dr. Giuliana Proietti


Seguimi su Instagram Dr. Giuliana Proietti

Seguimi su Instagram

Fonte: Thomas PA, Liu H, Umberson D. Family Relationships and Well-Being. Innov Aging. 2017 Nov;1(3):igx025. doi: 10.1093/geroni/igx025. Epub 2017 Nov 11. PMID: 29795792; PMCID: PMC5954612.

Immagine
Foto di Emma Bauso: https://www.pexels.com/it-it/foto/famiglia-di-quattro-persone-che-camminano-in-strada-2253879/

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Chiama ora!